Il nuovo corso online in diretta live con l’insegnante

La prima cosa che possiamo fare è quello di renderci conto di quanto sia bloccato il nostro respiro.  Osserva intorno, guarda quanta tensione manifestiamo nel corpo, un corpo ormai collassato su se stesso, imprigionato nella morsa stretta dello stress, senza una educazione verso il movimento fisico, favorendo invece cattive posture.

Primo a subirne gravi conseguenze è il nostro respiro che si riduce ad un ritmo superficiale, corto, generando problemi nella sfera fisica ed 

emotiva.

La relazione fra benessere e respiro è strettissima

Il respiro superficiale, la sensazione di oppressione che impedisce di prendere fiato, sono il campanello di un forte stato di stress emotivo e/o fisico.

Ma perché è così importante il respiro?

  • Prima cosa da capire è che tu sei il tuo respiro, questo significa che il modo in cui respiri ci dice chi sei e com’è il tuo stato di salute.
  • Il respiro aiuta ad eliminare i prodotti di scarto svolgendo anche il compito di depurare.
  • Un buon respiro permette alle altre sostanze ed energie del corpo di fluire nel modo più efficace e con il minimo sforzo.
  • Una respirazione piena, completa migliora la postura e rinforza il diaframma che è il muscolo principale che aiuta in questo processo, rafforza i muscoli dell’addome e della schiena.
  • Rilassa tutti i muscoli accessori come quelli che fanno parte della zona cervicale andando ad eliminare i dolori di cui spesso molti lamentano.
  • Una corretta respirazione ci permette di gestire le nostre emozioni e di favorire un atteggiamento positivo.
  • Essere consapevole e quindi essere connesso con il respiro, ci permette di restare nel presente, di vivere appieno il qui e ora, senza fluttuazioni mentali che ci ancorano al passato o al futuro.

Molte persone utilizzano solo una parte della vera capacità respiratoria, respiriamo in modo superficiale e troppe volte al minuto, con conseguenze negative sull’equilibrio tra anidride carbonica e ossigeno nel sangue.

L’ansia e gli stati depressivi sono anche la manifestazione di una respirazione bloccata che ci fa sentire come dei pesci fuor d’acqua con un peso sul petto che ci schiaccia.

La respirazione yogica ci viene in grande aiuto è una vera cura per il corpo e per la mente, attraverso degli esercizi ( Pranayama ), si allena il diaframma per ottenere la sua flessibilità, allenandolo come si fa con gli altri muscoli, inoltre la respirazione corretta dona tono all’addome, rinforza il pavimento pelvico, i muscoli della schiena, eliminando gran parte dei dolori in questa zona, migliora la memoria e schiarisce la mente.

Nel fitness si trascura molto l’importanza della respirazione, il respiro è poco ascoltato e per niente allenato.

Respirare riempendo i polmoni dalla base alla sommità, e svuotandoli dalla base per fare uscire tutta l’aria e non lasciare ristagni dentro, fa una grande differenza!

MENTE CORPO CUORE in armonia fra loro

Prenota la tua presenza al nuovo corso Live streaming in diretta con l’insegnante

“IMPARIAMO a RESPIRARE”

Dedicato anche a chi vuole approfondire pratiche di Pranayama

Un appuntamento al mese.

Per informazioni: info@gasshoyoga.com

Whatsapp ( sul sito trovi tutti i contatti )

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *